Mondiali di nuoto 2022: le pagelle

Thomas Ceccon – 10

L’ultima volta che s’è visto un record del mondo ottenuto da uno con quei baffi c’entrava John Holmes.

 

Gregorio Paltrinieri – 10

Sì, va bene l’oro, l’impresa epica, quello che volete: ma l’assegno da cinquantamila dollari per il record del mondo avrebbe fatto molto comodo dal benzinaio.

 

Benedetta Pilato e Nicolò Martinenghi – 10

Con i loro ori i due giovani campioni entrano nella storia della rana italiana insieme a Domenico Fioravanti, a Fabio Scozzoli e ai ravioli alla carbonara.

 

Staffetta mista maschile – 10

È andata come meglio non poteva: Ceccon maestoso, Martinenghi scatenato, Burdisso commovente, Miressi pazzesco, Peaty e Dressel a casa.

 

Katie Ledecky – 9

La fuoriclasse di Washington si conferma la padrona dello stile libero e a Budapest vince 400, 800 e pure 4×200. Nuotando tutte e quattro le frazioni.

 

David Popovici – 8

Il diciassettenne rumeno che legge Seneca vince 100 e 200 stile libero e si avvia verso un futuro glorioso. Cosa incredibile per un giovane con la passione per la filosofia.

 

Léon Marchand – 7

Il francese dominatore del misto ha tutte le carte in regola per diventare il nuovo asso francese del nuoto: la giovane età, un ottimo delfino, nessuna sorella innamorata di nuotatori italiani.

 

Katinka Hosszú – 6

La donna di ferro del nuoto mondiale si regala un ottimo quarto posto, dimostrando di saper ancora tenere a bada la ruggine.

 

Caeleb Dressel – 5

Il campione statunitense vince l’oro nei 50 delfino, poi si ritira dalla manifestazione. Per dimostrare che se vuole un americano può ancora abortire.

 

Gabriele Detti – 4

Il livornese non va oltre il sesto posto negli 800 stile libero, distanza di cui era campione mondiale uscente, a riprova del fatto che nello sport le gerarchie possono cambiare in fretta. Anche se guardando il CONI non si direbbe.

 

Margherita Panziera – 3

Mondiale sottotono per la dorsista, così in crisi di risultati che è stata lei a chiedere “Sensazioni?” a Elisabetta Caporale.

 

La squalifica poi revocata a Justin Ress – 2

Episodio quantomeno discutibile quello dei 50 dorso, in cui a seguito della squalifica del vincitore la Fina ha poi accettato il ricorso degli Stati Uniti. Decisivo il voto dei giudici nominati da Trump.

 

Rai Sport – 1

Edizione da record per il movimento azzurro, con nove podi conquistati dai nuotatori e quasi altrettanti persi dalla diretta.

 

Federica Pellegrini – 0

Distratta da tutti gli impegni la divina a Budapest non ha vinto niente.

Per chi non potesse seguirci tramite i social è nato "Unfair Play - Il canale Telegram più ostinato": t.me/unfairplay
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.