Italia – Macedonia, le pagelle

BUFFON 5,5 – Sul goal non ha colpe. Tranne quella di non essersi ritirato dalla Nazionale.

BARZAGLI 6,5 – La Macedonia non può certo impensierire uno che a inizio carriera respingeva gli attacchi della Prussia.

dal 46’ RUGANI 5 – Si dimostra per l’ennesima volta troppo timido, in particolare quando non chiede a Zappacosta di sovrapporsi perché non lo conosce bene e si vergogna.

BONUCCI 5 – Impreciso nei lanci, male in difesa, nel finale viene spostato in avanti per mantenere almeno l’1 a 1.

CHIELLINI 6,5 – Segna, di destro e mettendo la palla fra le gambe del portiere. Per farvi capire contro chi abbiamo pareggiato.

ZAPPACOSTA 5,5 – Non riesce a essere quello del Chelsea: quando sbaglia i cross, non finiscono mai in porta.

PAROLO 5 – La sua partita è così anonima che dietro la maglietta c’è scritto “Coso”.

GAGLIARDINI 5 – Ventura gli chiede di essere la diga in mezzo al campo e lui lo accontenta bloccando tutte le azioni pericolose. Dell’Italia.

dal 75’ CRISTANTE S.v. – Entra un minuto prima del gol, permettendo ai tifosi italiani di mascherare le bestemmie con il suo cognome.

DARMIAN 5 – La sua prestazione ha il merito di dimostrare che non è il campionato italiano a essere scarso, sono proprio i giocatori italiani.

VERDI 5 – Sarebbe ingiusto colpevolizzare un ragazzo al debutto da titolare in Nazionale. Per questo insultiamo chi lo ha convocato.

dal 64’ BERNARDESCHI 5 – 5,5 – Cerca di sfruttare la sua qualità dalla distanza, ma finché è dentro al campo è sempre troppo vicino.

IMMOBILE 6,5 – 6,5 punti in più per l’assist.

INSIGNE 5,5 – In coppia con Immobile si è rivisto l’Insigne di Pescara. Un giocatore di serie B.

VENTURA 4 – Abbiamo sempre saputo che non fosse un allenatore da grande squadra. Infatti nell’Italia sta benissimo.

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.