Road to ̶G̶D̶A̶N̶S̶K̶ KÖLN #19, Inter-Bayer Leverkusen

L’Inter si presenta alla partita col Bayer consapevole di avere a disposizione due risultati su tre: in caso di pareggio si va ai rigori e in porta c’è Handanovic.

Conte schiera la sua formazione titolare estiva, tenendo fuori i biondi con pelle chiara e delicata e affidandosi in avanti ai suoi due uomini più in forma: Lukaku e D’ambrosio. Bosz deve sostituire all’ultimo momento Sven Bender con Tah, chiamato così dal rumore del pallone a contatto coi suoi ruvidi piedi, e mette in campo un 4-2-3-1 dove il ruolo degli altri dieci è far risaltare ancora di più le qualità di Havertz.

L’Inter parte subito meglio e dopo un quarto d’ora passa in vantaggio quando Barella raccoglie una respinta della difesa e d’esterno dimostra a Conte di avere almeno l’esperienza adeguata per segnare in Europa League. Al ventunesimo i nerazzurri vedono la propria stella Lukaku cadere in area, ma hanno la prontezza di esprimere un desiderio nella notte giusta e la palla finisce comunque in rete.

Due minuti dopo il belga ha un’altra grande occasione, ma non avendo un avversario avvinghiato e attaccato alla maglia, non riesce a concludere al meglio. Sul ribaltamento di fronte i tedeschi trovano il gol con Havertz, che dopo aver scambiato con Volland accorcia le distanze tra il Bayer e una grande plusvalenza.

Nella prima parte della ripresa le occasioni migliori capitano sui piedi di Gagliardini, quindi non c’è bisogno di dirvi come siano finite. Nemmeno le varie sostituzioni modificano lo schema della partita, con l’Inter che va vicina al gol e i tedeschi che cominciano a organizzare le vacanze. Dopo un lungo recupero arriva il triplice fischio del VAR, che dopo essere intervenuto per far togliere due rigori all’Inter decide di mettersi in proprio e arbitrare direttamente.

L’Inter accede così alla semifinale di Europa League ed è fiduciosa di poter proseguire il suo cammino: l’avversario, Shakhtar e Basilea, è senz’altro alla portata e Conte non può superare il record di punti in campionato.

Per chi non potesse seguirci tramite i social è nato "Unfair Play - Il canale Telegram più ostinato": t.me/unfairplay
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.