NBA Unfair Preview 2017/2018 – Western Conference

SOUTHWEST DIVISION

San Antonio Spurs

La stagione si è aperta con due notizie: la prima è l’infortunio di Leonard, che ha saltato la preseason, la seconda è che questa volta Pachulia non c’entra. Tony Parker sarà assente per tutto il 2017, quindi all’inizio toccherà a Patty Mills e Dejounte Murray cercare di capire dove si nasconde LaMarcus Aldrige quando la squadra ha bisogno di lui.
Manu Ginobili e Pau Gasol saranno ancora in campo dopo aver giurato di riuscire a gestire i problemi di prostata grazie ai timeout pubblicitari.
Pronostico -Non forzeranno durante la stagione per arrivare riposati ai Playoffs. O almeno con tutto il roster ancora vivo.

Memphis Grizzlies
Dopo anni di grit&grind, Memphis sembra pronta a cambiare, anche se la perdita di Randolph abbasserà il livello del gioco sotto canestro, oltre a quello del thc. Qualche problema anche da Marc Gasol: il catalano ha già indetto un referendum per staccarsi dal resto dello spogliatoio.Dietro alla solita coppia Conley-Gasol, il resto del roster è talmente pieno di ex infortunati che pare che il fisioterapista dei Grizzlies abbia appena ordinato una Porsche nuova.
Pronostico – La squadra si manterrà anche quest’anno nell’intorno del 50% di vittorie e dello 0.5% di interesse da parte dei media.

Houston Rockets
I Rockets sono diventati una superpotenza: la presenza di Chris Paul renderebbe competitiva qualunque squadra che non sia i Clippers, mentre con l’arrivo di CP3 Harden potrà finalmente preoccuparsi un po’ anche della fase realizzativa invece di pensare sempre e solo ai suoi compagni. Il fatto che Ariza, Tucker e Capela siano tutti difensori competenti è utile perché in attacco il pallone non lo vedranno mai.
Pronostico – Vinceranno la division e sfideranno i Warriors nella prima finale di conference della storia con dieci giocatori schierati fuori dalla linea dei tre punti.

New Orleans Pelicans
Dopo la conferma di DeMarcus Cousins, l’arrivo di Rajon Rondo ha portato ai Pelicans grandi aspettative, oltre alle dimissioni del team di psicologi che seguiva la squadra. Anthony Davis rimane comunque la stella che può mettere in ombra qualunque compagno, aggrottando le sopracciglia nelle giornate di sole. L’unica incognita è la mancanza di esterni capaci di salvarci dai tiri da fuori di Rondo.
Pronostico Si preannuncia una lotta con Nuggets e Jazz per l’ottavo posto che vale lo sweep da Golden State.

Dallas Mavericks
Nel draft dei Markelle Fultz e dei Lonzo Ball, Dennis Smith Jr. potrebbe essere una potenziale sorpresa o almeno l’unico ad avere un nome normale. Molte speranze passano per un’ulteriore crescita di Seth Curry, che si spera finisca di essere solo il “fratello di” e riesca finalmente a diventare “no, non Steph, quell’altro”.
Le polemiche nate dopo il contratto stellare firmato da Barnes, scarto di Golden State, sono immediatamente rientrate quando Dallas ha fatto capire che l’anno prossimo potrebbe darne uno più importante a Noel, scarto di Philadelphia.
Pronostico L’obiettivo è godersi ancora Nowitzki che ormai ha concesso così tanti sconti sul suo contratto, che ora deve cinque milioni a Cuban.

***

PACIFIC DIVISION

Golden State Warriors
Sono riusciti nell’impresa di rifirmare praticamente tutti, compresi Chris Mullin e Mitch Richmond. Talmente favoriti che quando si parla di “NBA con due superteam”, si intende che i due superteam sono sempre loro. Sempre attivissimi anche nel sociale col recupero di ragazzi problematici, come dimostra l’arrivo di Nick Young, dopo quello di JaVale McGee.
Pronostico Potrebbero mancare il titolo solo nel caso in cui Trump, indispettito per la mancata visita, diriga le sue testate nucleari su Oakland.

Los Angeles Lakers
I tifosi gialloviola ritroveranno la voglia di andare a vedere le partite allo Staples, grazie all’arrivo di Lonzo Ball, ma soprattutto grazie all’addio di Timofey Mozgov. La grande speranza dei Lakers riguarda sicuramente il suo rookie, cioè che non abbia preso da quel deficiente di suo padre.
Pronostico – Difficilmente raggiungeranno i playoffs e potranno cercare di ottenere una primissima scelta anche il prossimo anno: pare che Magic abbia chiesto quella di Cleveland del 2003.

Los Angeles Clippers
Al suo arrivo ai Clippers il Gallo ha subito trovato un ottimo feeling coi compagni, tanto da aver passato ore con Griffin a discutere su chi si è rotto la mano nel modo più idiota. L’addio di Chris Paul si farà sentire, soprattutto per DeAndre Jordan, che dovrà provare a tirare anche da più di cinquanta centimetri dal ferro.
Pronostico Ottenere il record migliore della Western è impossibile, della Pacific non è credibile e quest’anno diventa pure complicato avere quello di Los Angeles.

Sacramento Kings
L’addio di Cousins ha lasciato un grosso vuoto, quello nel bilancio della società per via del troppo champagne comprato per i festeggiamenti. Fox, Buddy, Richardson e Giles sono tutti giovani che potrebbero far bene da subito, specie perché Vince Carter ha promesso di portarli al parco giochi dopo ogni vittoria.
Pronostico I playoff mancano da 11 anni. Il che vuol dire che almeno si sa già quali villaggi turistici aprono a metà aprile.

Phoenix Suns
La squadra dell’Arizona è una di quelle con più talento a Ovest, solo che è tutto racchiuso in Devin Booker. Dopo che in estate si è provato inutilmente ad arrivare a Griffin, Millsap e Irving, l’obiettivo è quello di far crescere i giovani di talento, in modo che anche loro possano rifiutarsi fra qualche anno di giocare coi Suns.
Pronostico – Lotteranno con Sacramento per l’ultimo posto nella division. Questo in caso di annata positiva.

***

NORTHWEST DIVISION

Oklahoma City Thunder
Estate incredibile per i Thunder: hanno preso Paul George e Carmelo Anthony rinunciando solo a giocatori di contorno fra cui Kanter, andato ai Knicks ma richiestissimo anche da Erdogan. Il leader resta Westbrook, che ha stabilito il record di triple doppie di zeri su un contratto NBA. E possono sempre vantare un pubblico fra i più chiassosi della Lega, utile a coprire il rumore dei tiri di Roberson.
Pronostico – Una delle squadre più attese: l’obiettivo è il titolo ma anche chiedere alla NBA di introdurre la possibilità di giocare con tre palloni.

Utah Jazz
L’addio di Hayward è stato un duro colpo perché nessuno si aspettava che l’ala preferisse la tradizione dei Celtics alla movida di Salt Lake City. Ma la squadra resta buona, grazie soprattutto a Rudy Gobert che con la sua apertura alare è stato recentemente inserito fra le specie protette dal WWF. È arrivato Rubio, ma l’infortunio a Exum ha precluso ai Jazz la possibilità di schierare contemporaneamente due tiratori di merda.
Pronostico Possono lottare per l’ottavo posto perché il sistema di coach Snyder sembra aver già assorbito la partenza di Hayward, grazie all’idea di abbassare ancora di più il ritmo in attesa che gli avversari invecchino.

Minnesota Timberwolves
Grande mercato quello dei T-Wolves: è arrivato Butler che, dopo il rapporto burrascoso con Hoiberg, ritrova il suo mentore Thibodeau, col quale invece è consigliabile andare d’accordo. L’ex Bull formerà un trio di stelle con Towns e Wiggins: il primo è forse il miglior centro della lega, il secondo ricorda il primo Bryant, nonostante all’epoca fosse molto piccolo. Sono arrivati anche Teague, Gibson e Jamal Crawford, che nell’aereo per Minneapolis si è già preso alcuni tiri.
Pronostico – L’obiettivo è entrare fra le prime 4 della Conference, anche se hanno la panchina poco profonda: tanto Thibodeau fa giocare i titolari almeno 45 minuti.

Portland Trail Blazers
In estate hanno inseguito Carmelo Anthony, poi lui se n’è accorto e hanno dovuto cambiare strada. Con Lillard-McCollum vedremo in campo uno dei backcourt più forti della lega: quando attaccano sono loro, quando difendono, gli avversari. La cessione di Crabbe ha permesso di abbassare il monte salari che ora è solamente pari al PIL della Tanzania.
Pronostico il quintetto, grazie anche a Nurkic, è interessantissimo, quindi l’obiettivo sarà cercare di vincere le partite già nel primo quarto prima che entri la second unit.

Denver Nuggets
Via Gallinari, la stella della squadra diventa ufficialmente Jokic, centro passatore talmente altruista che i suoi tifosi lo hanno soprannominato “E tira cazzo!”. Ottimo l’arrivo di Millsap che da eterno sottovalutato ha giustamente scelto una piazza in cui se lo cagheranno ancora meno. Problemi nel ruolo di playmaker dove Murray e Mudiay non sono ancora pronti e Nelson non si è ancora ritirato.
Pronostico Arrivare ai playoff è quasi un obbligo, almeno perché così McGee la smetterebbe di chiamare gli ex compagni per sfotterli dopo aver vinto l’anello.

E infine, una nostra previsione sul possibile MVP.

Giannis Antetokounmpo
Il giocatore dei Bucks rischia di essere l’ultima cosa greca di valore. Kobe Bryant lo ha pronosticato come Mvp, Durant crede possa diventare il migliore di tutti i tempi: forse ha le mani così grandi a furia di grattarsi i maroni.

(immagine: http://www.http://sokkaa.com/)

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.