Road to Gdansk #16, Shakhtar Donetsk-Roma – Milan-Manchester United

SHAKHTAR DONETSK-ROMA

Con una decisione dell’ultimo momento del sindaco di Kiev la partita si gioca a porte chiuse, una sorpresa per i giallorossi che non sono abituati ad avere un sindaco.

Sin dai primi minuti di gioco lo Shakhtar dimostra di aver imparato la lezione dell’andata e nel primo tempo cerca di addormentare gli avversari per difendere lo 0-3.

Nel secondo tempo Mayoral colpisce due volte: con la prima affonda i sogni ucraini che comunque pareggiano, con la seconda quelli bosniaci, infatti lo spagnolo continua a sembrare più in vena di Dzeko sotto porta e toglierlo dal campo per Fonseca sarà impossibile, almeno fino alla partita col Napoli.

Il match si conclude 1-2, una grande soddisfazione per Fonseca che può guardare al futuro con più ottimismo, probabilmente avrà già firmato per qualcun altro quando la Roma si deciderà a proporgli il rinnovo.

Per comprendere l’impresa dei giallorossi bisogna pensare a quanto l’Inter abbia sofferto lo Shakhtar in Champions e a quanto la Roma abbia sofferto gli ottavi di Europa League, sempre in secondo piano da quando esiste la Gazzetta dello Sport.

MILAN – MANCHESTER UNITED

Dopo il pareggio dell’Old Trafford Milan e Manchester United si affrontano a viso aperto, come spesso avviene nelle serate di Milano. Pioli deve fare i conti con una lista lunghissima di infortunati, ai quali perlomeno si è aggiunto Calabria.

Nel primo tempo i rossoneri creano diverse occasioni, ma non riescono a trovare il gol, anche perché Castillejo è spaesato a giocare centravanti e Calhanoglu è spaesato a giocare a calcio.

I cambi durante l’intervallo decidono la partita, dato che Solskjaer fa entrare Pogba e Pioli non toglie Meité. Al 48° infatti è proprio l’ex Juventus a trovare il gol decisivo – cosa che nelle partite europee che contano sta ormai diventando una costante. Dopo il gol subito il Milan non riesce tuttavia a tenere alto il ritmo, anche perché non è facile contro avversari vestiti da effetto Doppler.

A metà ripresa entra Ibrahimovic, ma si capisce che non è serata dal fatto che al suo ingresso non parte alcuna fanfara balcanica. Al 74° lo svedese ha infatti una grande occasione, ma Henderson gli nega il gol, dimostrando una gran bravura. Nonché un notevole coraggio.

Lo 0-1 finale elimina dunque i rossoneri: peccato, perché l’occasione era particolarmente ghiotta, dato che al momento del calcio d’inizio si sapeva già che ai quarti ci sarebbe stata la concreta possibilità di beccare un’italiana.

Per chi non potesse seguirci tramite i social è nato "Unfair Play - Il canale Telegram più ostinato": t.me/unfairplay
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.