Road to Gdansk #13, Ludogorets-Inter

L’Inter riprende il cammino europeo in Europa League dopo le dichiarazioni di Conte che ha detto che la squadra avrebbe onorato la competizione. Dato che non può evitarla.

Contro il Ludogorets tecnico leccese effettua un ampio turn-over, schierando Ranocchia e D’Ambrosio davanti a Padelli e un centrocampo a cui chiede di non perdere palla per nessuna ragione al mondo.

Nel primo tempo il più propositivo è Moses, bravo ad andare due volte sul fondo crossando sul secondo palo ma sfortunato nel pescare entrambe le volte Biraghi.

Al quinto della ripresa ci prova Sanchez, ma Iliev riesce a deviare sul palo cadendo a terra per le risate dopo aver visto i pantaloncini ascellari del cileno. Al 64° l’ingresso di Lukaku permette a Eriksen di svincolarsi dalla linea di centrocampo dell’Inter, che fino a quel momento era riuscito a contenerlo bene: proprio il danese trova il vantaggio ed esulta ruotando le dita e unendo le falangi.

L’ex Tottenham colpisce ancora una traversa (evidentemente gli stanno sul cazzo) e mette in mezzo un pallone da corner che viene toccato di mano da un difensore del Ludogorets. Il rigore viene trasformato da Lukaku che non esulta perché almeno contro i bulgari sperava di rimanere in pigiama a giocare alla Switch.

Il 2-0 fuori casa avvicina l’Inter agli ottavi di finale di Europa League. Ma per Conte ci sono anche buone notizie.

Per chi non potesse seguirci tramite i social è nato "Unfair Play - Il canale Telegram più ostinato": t.me/unfairplay
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.