Road to Euro 2020: Italia-Grecia

L’Italia affronta la Grecia davanti ai sessantamila spettatori dello stadio Olimpico, entusiasti di poter tifare una squadra in grado di vincere a livello internazionale. Mancini si affida ai tre protagonisti del Pescara di Zeman, ma ha la brillante idea di schierare anche una difesa. Con la sua nazionale già eliminata Van ‘t Schip impiega invece diversi giovani, raddoppiando il tasso di occupazione greco.

Partita subito molto ruvida, con entrambe le squadre che commettono molte infrazioni approfittando dell’assenza del Var e soprattutto degli osservatori di Bruxelles. Al decimo brutta botta per D’Ambrosio, che però decide di stringere i denti e rimanere in campo perché intorno alle panchine ha visto aggirarsi Alessandro Antinelli.

La Grecia è molto chiusa dietro: l’idea è quella di resistere il più possibile mentre la federazione prova a contattare Charisteas. Gli ellenici continuano a giocare duro, tanto che sul finire del primo tempo Chiesa lascia il posto a Bernardeschi dopo aver simulato di zoppicare.

Il secondo tempo inizia sulla falsariga del primo, con l’Italia che fatica a trovare spazi e i telecronisti che sono più interessati ad Armenia-Liechtenstein. Prova a sbloccarla Verratti, che perde palla sulla trequarti d’attacco riuscendo quasi a mandare in gol i greci. Al 62° però l’Italia passa con Jorginho, bravo a trasformare un rigore provocato da Bouchalakis, che per sua fortuna non è spartano.

La Grecia prova ad aumentare il ritmo, ma Bakasetas fallisce un’ottima occasione non riuscendo a coordinarsi per via del sirtaki sempre più veloce. Pochi minuti dopo Bernardeschi trova il gol con un tiro deviato che premia la sua scelta di smettere di provare a centrare la porta e di mirare sugli avversari.

Pur non brillando, col successo sulla Grecia la Nazionale si assicura il primo posto in un girone certo non proibitivo, visto che la testa di serie è l’Italia. Buona dunque la prima con la maglia verde che vorrebbe celebrare il nostro passato – e infatti a tratti è sembrato di vedere la squadra di Ventura.

Per chi non potesse seguirci tramite i social è nato "Unfair Play - Il canale Telegram più ostinato": t.me/unfairplay
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.