Road to Istanbul #8, Genk-Napoli

La trasferta di Genk è il secondo impegno di Champions per il Napoli, ma subito arriva la prima sorpresa con Ancelotti che spedisce Insigne in tribuna per vedere se riesce a tirare a giro sul secondo palo anche da lì.

I padroni di casa tengono bene il campo e mostrano grande personalità ma sono i partenopei ad avere le occasioni migliori come il palo di Callejon. Ma a pesare è una pessima serata di un Milik così impreciso che prende due traverse, spreca una buona chance di testa e all’intervallo grida “Fino alla fine, forza Juventus”.

Ancelotti prova a cambiare la partita con qualche mossa tattica (Lozano più largo, una variazione di modulo e il lassativo nella borraccia di Mario Rui che esce dopo mezz’ora) ma il risultato non si sblocca.

Nella ripresa i giocatori del Genk calano, forse perché durante l’intervallo si sono visti allo specchio e si sono ricordati di quanto facciano schifo, ma il Napoli non ne approfitta: Callejon sbaglia ancora e si dispera a tal punto da spettinarsi.

Incredibilmente sono i belgi ad avere l’occasione della vittoria ma Hagi spreca dimostrando di sentirsi ancora un giocatore della Fiorentina.

Finisce con uno 0-0 pieno di rimpianti per il Napoli che però deve crescere: mica puoi avere sempre il culo di giocare contro squadracce come il Liverpool.

Per chi non potesse seguirci tramite i social è nato "Unfair Play - Il canale Telegram più ostinato": t.me/unfairplay
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.