Road to Baku #6 – Napoli-Arsenal

Il Napoli scende in campo con un obiettivo ben preciso: restare in Europa ancora qualche giorno, per godersi maggiormente l’eliminazione della Juventus.

La partita si apre con gli uomini di Ancelotti che cercano di fare qualcosa in più e l’Arsenal che si difende in maniera ordinata ed efficace, cosa che non succedeva dalla vittoria in Premier del 2004.

Insigne, Callejon e Milik svariano molto in attacco, non danno punti di riferimento e spesso si scambiano il ruolo, ossia quello di “punta che sbaglia la conclusione a rete”.

Alla mezz’ora gli inglesi vanno in vantaggio e dopo il gol di Lacazette l’impresa diventa impossibile: segnare 4 reti a una difesa che non sia quella della Roma.

Sul vantaggio pesa una grave incertezza di Meret, che però si rifà a inizio ripresa, quando grazie a una parata prodigiosa regala al suo procuratore le basi per le trattative del prossimo agosto.

Ancelotti sostituisce uno spento Insigne, che tira un calcio a una bottiglietta, non riuscendo a mettere sul secondo palo nemmeno quella.

Il Napoli prova a raggiungere il pari, ma i tifosi non ci credono più e iniziano a lasciare lo stadio prima della fine della partita, se non altro per provare un po’ di bagarinaggio estremo.

Nel finale, dagli spalti parte la contestazione delle due curve: al posto di “‘O surdato ‘nnamurato” si alza in coro un pezzo di Gigi D’Alessio.

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.