ROAD TO MADRID #4 – JUVENTUS-ATLETICO MADRID

Dopo settimane di fervente attesa, la Juventus sfida l’Atletico Madrid nella Partita con la P di “PerfortunanongiocaDeSciglio” maiuscola.

I bianconeri partono subito con grande intensità e sorprendono le scelte tattiche di Allegri che schiera alcuni giocatori in ruoli insoliti, come Emre Can in difesa e Spinazzola titolare.

La Juve passa in vantaggio dopo pochissimi minuti ma la rete viene annullata dall’arbitro perché nella mischia Oblak ha subito un danno notevole: prendere gol da Chiellini.

Cristiano Ronaldo porta avanti i suoi al 27esimo e permette ai bianconeri di andare al riposo sull’1-0. Da segnalare all’ultimo minuto del primo tempo una grande occasione per Morata che sbaglia dimostrandosi sempre decisivo in Champions League per la Juventus.

La squadra di Allegri non si ferma e CR7 trova anche il 2-0 nella ripresa sovrastando Godin che dimostra di essersi già ambientato all’Inter.

La Juventus va vicinissima al 3-0 con Kean che a tu per tu con Oblak paga l’errore di non aver premuto R1 per fare il tiro a giro.

La svolta è comunque vicina e all’84esimo Bernardeschi scappa via a Correa che rapito dalla bellezza della sua progressione lo stende in area pur di chiedergli l’autografo.

Ronaldo segna il calcio di rigore e firma la tripletta che dà il successo alla Juventus. Il portoghese poi esulta con un gesto volgare con le immagini che sono state subito acquisite dalla polizia di Las Vegas.

I bianconeri ora volano ai quarti con la convinzione che vincere questa Champions League è possibile. Basta che dopo la finale si giochi anche la partita di ritorno.

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.