Match program, Roma – Inter

PRESENTAZIONE

Roma – Inter è la sfida che ha caratterizzato l’ultima parte del decennio scorso, venendo dopo Juventus – giustizia sportiva e prima di Juventus – Panchina della Juventus.

La Roma arriva alla partita dopo aver raggiunto in settimana il suo unico obiettivo stagionale: ottenere un secondo posto. In campionato la squadra viene dalla sconfitta di Udine e in generale sta alternando partite buone a vere e proprie disfatte, al punto che l’unico modo per trovare continuità pare perdere anche le prossime. Nell’ambiente molti mettono in discussione Di Francesco, ma c’è da dire che è solo grazie al suo lavoro sulla crescita dei giovani che tra qualche anno il Liverpool potrà avere una squadra ancora più forte.

L’Inter sta facendo un ottimo campionato e quest’anno sembra poter arrivare in Champions senza dover prendere in anticipo a parametro zero giocatori di altre squadre. La vittoria col Frosinone ha dimostrato che la disfatta di Bergamo è stato solo un incidente, dovuto al fatto che in presenza di Gasperini l’Inter non riesce proprio a giocare. Nonostante la sconfitta di Londra, i nerazzurri sembrano compatti e desiderosi di regalare a Spalletti la vittoria contro la Roma, per fargli raggiungere il suo grande obiettivo: spingere Totti a ritirarsi anche come dirigente.

FORMAZIONI

La squadra di Di Francesco arriva a questa sfida delicatissima con una serie di defezioni incredibile: mancheranno infatti 3 centrocampisti, 2 attaccanti e un allenatore. A centrocampo non ci sarà De Rossi per un problema fisico che si sta dimostrando più difficile del previsto da risolvere: la vecchiaia. Le assenze di Dzeko ed El Shaarawy spingeranno il mister a schierare un attacco così giovane che Under 17 potrebbe non essere soltanto la maglia dell’esterno turco, ma la caratteristica anagrafica di tutto il reparto offensivo. Tornano anche se solo in panchina Pastore e Perotti, il cui ingresso nella ripresa potrebbe rivelarsi utile per creare un diversivo, permettendo così a Di Francesco di lasciare l’Olimpico in tutta fretta.

In difesa Spalletti dovrebbe tenere a riposo in panchina De Vrij, ma dovrebbero riposare anche i centrali titolari perché tanto dall’altra parte c’è Schick. Sarà assente il grande ex Nainggolan, a cui la trasferta di Londra ha lasciato in eredità un affaticamento al fegato. Ancora panchina per Lautaro Martinez, che passerà la partita al telefono col padre per evitare che posti insulti all’allenatore. Nei 3 dietro Icardi, Spalletti dovrebbe decidere di schierare centrale Joao Mario, per costringere la squadra a sfruttare maggiormente le fasce.

CURIOSITÀ

Nei giorni scorsi Kolarov ha dichiarato che i tifosi non capiscono niente di calcio. In effetti sono convinti che Roma-Inter sia una partita di cartello.

Spalletti sfida il suo passato: calciatori coi capelli.

Proprio in settimana, Icardi ha regalato un Rolex ai compagni dello scorso anno, sia per ringraziarli del titolo di capocannoniere che per omaggiare la vecchia dirigenza della Roma.

Bilancio equilibrato nelle ultime 6 sfide in campionato: ha sempre vinto la Juventus.

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.