Un anno di Italia

La Nazionale italiana stasera torna a San Siro dopo il pareggio con la Svezia che ci costò i Mondiali.
Riviviamo gli ultimi 365 (e rotti) giorni degli Azzurri.

13 NOVEMBRE 2017 – ITALIA-SVEZIA 0-0

Il pareggio con la Svezia ci tolse la possibilità di partecipare ai Mondiali 2018 e diventò il momento più buio della storia della nostra Nazionale, superando la battaglia legale pur di trovare un passaporto ad Amauri.

Ci sarebbero tante cose da dire su quella sera, ma non basterebbe un anno: servono molti più di 365 santi.

Questo risultato ci condannerà a un’estate senza Coppa del Mondo e a una serie infinita di brutte battute sull’Ikea.

15 NOVEMBRE 2017 – VENTURA VIENE ESONERATO

Due giorni dopo la clamorosa eliminazione, arriva la notizia più attesa. Cioè la più attesa considerando che siamo l’Italia e non il Texas e certe cose qui non sono contemplate.

Ventura viene esonerato dal ruolo di ct della Nazionale dopo aver rifiutato le dimissioni o di passare 5 minuti in una stanza senza telecamere con Chiellini e De Rossi.

20 NOVEMBRE 2017 – TAVECCHIO SI DIMETTE

A 5 giorni dall’esonero di Ventura, arrivano le dimissioni di Tavecchio seguite da una conferenza stampa incredibile in quanto priva di dichiarazioni contro neri e lesbiche.

5 FEBBRAIO 2018 – DI BIAGIO DIVENTA CT AD INTERIM

Dopo Ventura, il ruolo di ct ad interim viene preso da Di Biagio. Un’astuta mossa della FIGC per dichiarare lo stato di calamità naturale e ricevere i fondi dallo stato.

L’esperienza di Di Biagio però durerà soltanto per 2 partite dopo le quali non gli sarà rinnovato lo stage,

23 MARZO 2018 – ARGENTINA-ITALIA 2-0

La sfida con l’Argentina è l’ultima di Buffon con la maglia azzurra che chiude come peggio non si potrebbe: subendo gol da Banega.

27 MARZO 2018 – INGHILTERRA-ITALIA 1-1

L’Italia pareggia nel finale grazie uno schema che sarà fondamentale per la Nazionale negli anni a venire: Chiesa che in qualche modo si procura un rigore.

14 MAGGIO 2018 – MANCINI DIVENTA CT

Mancini diventa ufficialmente il nuovo ct: soddisfazione da parte della FIGC che lo considerava assolutamente la prima scelta nonostante i contatti con Ancelotti, Conte, Allegri e il tentativo di dissotterrare Bearzot.

18 MAGGIO 2018 – BUFFON ANNUNCIA IL RITIRO DALLA NAZIONALE

In conferenza stampa Buffon annuncia il suo addio all’Italia perché non si sente tutelato dalle riforme al piano pensionistico.

Il portiere lascia la Nazionale come giocatore con all’attivo più presenze, partite da capitano e ritiri.

28 MAGGIO 2018 – ITALIA-ARABIA SAUDITA 2-1

Al suo debutto la Nazionale di Mancini soffre ma vince contro l’Arabia Saudita che per punizione dovrà ospitare nuovamente la Supercoppa italiana.

1 GIUGNO 2018 – FRANCIA-ITALIA 3-1
4 GIUGNO 2018 – OLANDA-ITALIA 1-1

Nelle due partite successive con Francia e Olanda arriveranno una sconfitta e un pareggio, ma almeno fra i convocati c’è Balotelli così dopo l’addio di Ventura c’è di nuovo qualcuno a cui dare la colpa.

7 SETTEMBRE 2018 – ITALIA-POLONIA 1-1

Il debutto in Nations League contro la Polonia termina con un pareggio che lascia tanti dubbi. Ad esempio come minchia funzioni la Nations League.

10 SETTEMBRE 2018 – PORTOGALLO ITALIA 1-0

Il Portogallo supera l’Italia in Nations League con un gol di André Silva, abituato col Milan a segnare tanti gol in coppe che non contano niente.

10 OTTOBRE 2018 – ITALIA-UCRAINA 1-1
14 OTTOBRE 2018 – POLONIA-ITALIA 0-1

Mancini vira sul falso 9, seguendo la via tracciata dal Barcellona di Guardiola e dall’Italia di Ventura, che si giocò la partita decisiva con Gabbiadini titolare.

Grazie a questo modulo l’Italia ottiene un pareggio e la prima vittoria in una competizione ufficiale dai tempi di Vittorio Veneto.

17 NOVEMBRE 2018 – PORTOGALLO-ITALIA

E così dopo più di un anno la Nazionale si gioca a San Siro la possibilità di passare il girone di Nations League con Chiellini pronto a festeggiare 100 presenze in Nazionale. Speriamo non ci siano foto.

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.