NBA Unfair Preview 2017/2018 – Eastern Conference

SOUTHEAST DIVISION

Atlanta Hawks
Ad Atlanta non se la passavano così male dai tempi dell’incendio di Via col Vento e la squadra che ha incantato l’NBA negli ultimi anni ormai se n’è andata, proprio come la possibilità di qualificarsi ai playoff. Le partenze di Millsap e Hardaway Jr. hanno impoverito il quintetto tanto che Schroeder, dopo l’arresto per aggressione, si è rifiutato di uscire su cauzione. Il neo-arrivato Belinelli continuerà anche qui ad essere il sesto uomo, perché era la clausola del contratto firmato con Satana per fargli vincere un anello.
Pronostico – Non hanno molto da chiedere a questa annata, avendo già raggiunto l’obiettivo stagionale: liberarsi di Howard.

Miami Heat
Dopo il grande finale della scorsa stagione, Pat Riley ha deciso di confermare in blocco il roster puntando a non alterare gli equilibri, che è un modo elegante di dire che in estate non se l’è inculato nessuno. Il rookie Adebayo potrà sostituire Whiteside nei 40-42 minuti in cui è in panchina per falli, mentre tra i nuovi arrivi spicca Olynyk, arrivato in Florida per rafforzare l’area sotto canestro e per prendere finalmente un colorito che non sembri quello di un cadavere.
Pronostico – Si prevedono playoff comodi, nel senso che dopo il primo turno potranno continuare a goderseli dal divano.

Orlando Magic
I Magic sono così spesso impegnati in una ricostruzione che si sta pensando di spostare la franchigia ad Amatrice: dopo una pessima annata (una qualunque delle ultime cinque) passeranno alla storia per essere l’unica squadra ad aver rimpianto la cessione di Dwight Howard. Quest’anno provano a ripartire da Aaron Gordon e da Elfrid Payton, che si è messo in mostra lo scorso anno, strappando a Shumpert il trofeo di giocatore NBA con la pettinatura più idiota.
Pronostico – È davvero difficile pensare che si possano centrare i playoff, ai Magic ci sono così poche certezze che per sicurezza coach Vogel sta facendo allenare i suoi anche a pallavolo.

Charlotte Hornets
L’arrivo di Dwight Howard è più che un’incognita: rispetto a quello visto ad Orlando, questo non è che un lontano parente e per di più di quelli che quando arrivano ti distruggono casa. Se i titolari non paiono da primissimi posti, la panchina pare invece molto profonda e in grado di garantire agli Hornets di poter dominare qualunque garbage time. Curiosità: le divise degli Hornets saranno le uniche a non essere griffate Nike ma Jordan perché Mj ha un modo tutto suo di mettere pressione.
Pronostico – Difficile ipotizzare i playoffs quando l’unico ad avere talento in franchigia è il Presidente.

Washington Wizards
Oltre ai primi piani di Gortat, a far paura dei Wizards è sicuramente il duo Wall-Beal, che punta a essere l’accoppiata migliore della Lega dopo quella composta da Westbrook e i vestiti di merda. Con gli addii di Jennings e Bogdanovic la panchina sembra più debole, ma Brooks è fiducioso perché sa che sarà impossibile fare stronzate peggiori del contratto da 106,5 milioni fatto firmare ad Otto Porter.
Pronostico Il sogno è la finale di Conference, ma è più probabile che dietro a Celtics e Cavs, Washington si confermi nel ruolo del terzo che fra due litiganti non gode mai.

***

CENTRAL DIVISION

Cleveland Cavaliers
In una Eastern Conference che, a parte Boston, sembra sempre più la lega di sviluppo della D-League, I Cavs useranno la regular season per trovare nuovi equilibri e poi cercare di spiegarli a Tyrone Lue. Via Irving, al suo posto è arrivato Isaiah Thomas che ha meno talento ma almeno non è così idiota da pensare che la terra sia piatta. L’ex Boston ha un infortunio e il suo posto sarà preso Derrick Rose, che è come provare a sedare un incendio tirandogli contro una bomba a mano.
Pronostico Con l’arrivo di Wade la squadra resta fortissima, anche se sul futuro ci sono degli interrogativi. Ad esempio, su quale tv James annuncerà il suo addio l’anno prossimo?

Chicago Bulls
A Chicago non si vedeva tanta devastazione dal film dei Blues Brothers: sono andati via Wade, Rondo, Butler e persino la statua di Jordan fuori dallo United Center non si trova più. Per sostituirli sono arrivati Dunn e tanto lexotan. Ci sono ottime aspettative sul rookie finlandese Markannen: pare abbia delle sorelle fregne. Per LaVine invece bisognerà aspettare gennaio, in modo che atterri dalla sua ultima schiacciata.
Pronostico Secondo molti questi Bulls potrebbero essere la peggior squadra della lega. Se fossero una squadra.

Detroit Pistons
L’arrivo di Bradley a Detroit pare poter spingere i Pistons ai playoff, mentre quello successivo di Irving a Boston potrebbe spingere Bradley verso l’alcolismo. Le sorti della squadra dipendono però dalle condizioni di Reggie Jackson, non al meglio fisicamente per i continui incubi in cui crede di essere ancora la riserva di Westbrook.
Pronostico I playoff per i Pistons sono un obiettivo possibile ma difficile, data una panchina particolarmente brutta. Per la presenza di Marjanović.

Milwaukee Bucks
I Bucks puntano a rimanere in alto: Antetokounmpo è un possibile MVP, il resto del quintetto è solido e la panchina è profonda come le occhiaie di Snell. Ora è tutto in mano a Jason Kidd, che ha così tanto talento a disposizione che farà giocare spesso Dellavedova per bilanciare.
Pronostico Milwaukee sembra avere ciò che serve per essere una delle 4 migliori squadre della Eastern Conference: è ad est.

Indiana Pacers
L’addio di un giocatore come George farebbe male a qualsiasi squadra, figuratevi in una che punta su Oladipo. La delusione dei tifosi Pacers per la brutta cessione di PG è stata inferiore solo a quella del GM Pritchard quando ha scoperto che il Sabonis che aveva preso non era Arvydas. Squadra da ricostruire, con diversi giovani, qualche veterano e una probabile stella. No, Lance, non parliamo di te.
Pronostico La vera speranza che hanno a Indiana è quella di far crescere Myles Turner, per trasformarlo nel prossimo giocatore ad andarsene lasciando i Pacers nella merda.

***

ATLANTIC DIVISION

New York Knicks
L’inaspettato addio di Anthony ha scosso l’ambiente dei Knicks, specialmente i giocatori che ora non hanno idea di cosa sia quella cosa tonda e arancione che continuano a tirargli in allenamento. L’unico vero talento in squadra resta il lettone Kristaps Porzingis, almeno se non consideriamo quello di Joakim Noah nel riuscire a farsi mettere sotto contratto nonostante sia cestisticamente morto da più di due anni.
Pronostico – Nonostante i playoff sembrino un miraggio, coach Hornaceck non vuole che l’annata passi inutilmente. Quindi ha organizzato un torneo di fantacalcio.

Boston Celtics
I Celtics sono tornati: a Boston sono arrivati Irving, Hayward e la dirigenza si è fermata qui perché servivano altre 29 squadre per far partire la stagione. La partenza di Bradley ha indebolito la squadra in difesa, ma il potenziale offensivo a disposizione di coach Stevens è così devastante che Kim Jong-Un ha intenzione di diventare il nuovo proprietario della franchigia.
Pronostico – L’obiettivo è evidente: interrompere l’egemonia dei Cavs ad est. Quest’anno, o il prossimo dopo avergli preso James.

Brooklyn Nets
La scommessa è sicuramente D’Angelo Russell, che è motivato a dimostrare che può fallire anche in piazze meno prestigiose di Los Angeles. Dato che raggiungere la post-season sembra proibitivo, i Nets puntano a vincere almeno a tavolino le partite coi Lakers, che potrebbero rinunciare pur di non vedere più Mozgov e Jeremy Lin.
Pronostico – Solo il lavoro di Atkinson può portare all’impresa di raggiungere l’ottavo posto e farsi piallare dai Cavs al primo turno.

Philadelphia 76ers
Dopo anni in cui a Philadelphia ci sono state più prime scelte al draft che vittorie, è il momento di raccogliere i frutti: Redick ha portato esperienza e sia Embiid che Simmons sono pronti a fare il salto di qualità (ma piano che hanno le ossa fragili). Le prestazioni deludenti di Fultz hanno però fatto guadagnare a quello che dovrebbe essere l’erede di Iverson il soprannome di “The Question”.
Pronostico – Quest’anno Philadelphia rischia di divertire tutti gli appassionati di basket. Che seguono Embiid su Twitter.

Toronto Raptors
In un’estate di grandi movimenti, Toronto ha mantenuto l’ossatura dell’anno scorso perché non aveva voglia di cambiare la foto della squadra sul sito. Cabloco, Siakam e Poetl non danno molta profondità alla panchina ma sono ottimi codici CAPTCHA.
Pronostico – Con la crescita di Celtics e Bucks, il traguardo massimo pare essere la semifinale di Conference. Ma ai tifosi di Toronto non sembra pesare perché sono ancora contenti di aver mandato via Bargnani 4 anni fa.

(immagine: http://www.thesportsquotient.com/)

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.