Albania – Italia, le pagelle

BUFFON – 6,5 – L’Albania lo impegna soprattutto dalla lunga distanza, ma lui dimostra di avere ancora i riflessi di un trentacinquenne.

DARMIAN – 5 – Partita in tono minore, ma è molto vicino a un primato assoluto: qualificarsi a un mondiale senza aver toccato palla.

(dal 61’ ZAPPACOSTA) – S.v. – Entra per sostituire un deludente Darmian e ci riesce alla perfezione. Deludendo.

BONUCCI – 5 – Soffre quando gli avversari lo puntano, quando fraseggiano nello stretto e, in generale, quando il gioco non è fermo.

CHIELLINI – 6 – Il calcione a un avversario che gli costa l’ammonizione resta il gesto tecnicamente più pregevole visto nell’intero match.

SPINAZZOLA – 6 – Ha il merito di crossare per Candreva sul goal, evitando così un cross di Candreva.

PAROLO – 5,5 – L’unico assist degno di nota è quello per la convocazione di Jorginho.

GAGLIARDINI – 5,5 – Convocato a causa dei numerosi infortuni a centrocampo, dimostra che non è detto che uno sano giochi meglio.

CANDREVA – 6,5 – Ha il merito di trovare la soluzione balistica per sfruttare al meglio il suo tiro dalla distanza: mettersi vicinissimo alla linea di porta.

IMMOBILE – 5,5 – Spreca 4 palle gol, errori che in match più importanti potrebbero pesare troppo. Per fortuna non ne giocheremo.

EDER – 5 – La sua prestazione è così negativa che dà ragione a chi è contrario a dare la cittadinanza italiana agli stranieri.

(dal 89’ GABBIADINI) – S.v. – Ventura lo getta nella mischia per perdere tempo, proprio come quando viene schierato titolare.

INSIGNE – 5 – Fa gli stessi movimenti ininterrottamente per 90’. In pratica è una gif.

(dal 91’ EL SHARAAWY) – S.v. – Entra solo per far vedere che non tutti gli egiziani si sono qualificati ai mondiali.

VENTURA – 5 – Riesce nell’impresa di non essere il miglior allenatore italiano della partita.

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.