7 domande sul calcio a Ivan Zazzaroni

Abbiamo fatto 7 domande sul calcio a Ivan Zazzaroni, esponente di una delle categorie professionali più discusse d’Italia: quella dei giudici di Ballando con Le Stelle.

1) Il prossimo campionato sarà il primo a giocarsi con il VAR. Da attento osservatore di calcio, non hai timore che gli opinionisti dovranno trovarsi un lavoro vero?
«Sì, ne ho parlato anche a casa e la mia compagna è preoccupata per me. Eventualmente potrei aprire un chiringuito a Formentera: la Soledad. Comunque il vero problema della Var è l’articolo: il o la?»

2) Gli arbitri di porta sono stati completamente inutili o hanno almeno aiutato a combattere la disoccupazione?
«La seconda. E adesso cosa faranno? In fondo per loro poco è cambiato: li hanno nuovamente messi alla porta.»

3) Se l’Italia non riuscisse a qualificarsi per Russia 2018, pur senza drammatizzare bisognerebbe porsi delle domande. Ventura andrebbe esiliato o consegnato all’Isis?
«Tavecchio ha già acquistato uno zainetto.»

4) Dallo scorso novembre sei direttore editoriale di Corrieredellosport.it e Tuttosport.com. Credi che per il raggiungimento di questo traguardo sia stata più importante la tua grande esperienza nel giornalismo sportivo o il fatto che tu sia un grande intenditore di fotogallery con i culi delle fidanzate dei calciatori?
«Le fidanzate dei calciatori ci stanno dando grandi soddisfazioni. Così come i compleanni e gli anniversari di questo o quello.»

5) I quotidiani sono spesso accusati di inventare notizie in estate per vendere copie. Non la trovi un’accusa ingiusta quando in realtà inventano notizie anche d’inverno?
«Avete dimenticato l’autunno e la primavera.»

6) Quando il Bologna vinse il suo ultimo Scudetto, tu eri un bambino e capivi poco di calcio. Non credi sarebbe bellissimo se ne vincesse un altro ora che almeno non sei più un bambino?
«Ho sempre amato i giornalisti coerenti: capivo poco allora, capisco poco adesso. Non è apprezzabile? Certo, però, che lo Scudetto al Bologna…»

7) La cosa che oggi ti fa più paura è fare un errore grammaticale in un articolo, la retrocessione del Bologna o che il parrucchiere ti sbagli il taglio?
«L’errore di Alfiero, il mio parrucchiere. Alfo è come Liedholm: quando sbaglierà un taglio tutto il negozio lo applaudirà.»

La redazione di Unfair Play, contro lo sport più ostinato.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.