MotoGP 2017

Sta per iniziare il mondiale MotoGP 2017 e anche noi di Unfair Play siamo curiosi di vedere come si comporteranno Lorenzo con la Ducati, Viñales con la Yamaha e Iannone con Belen.
Come ormai tradizione, di seguito trovate una breve presentazione dei top driver che scenderanno in pista e anche una di Dovizioso.

***

MARC MARQUEZ – HONDA HRC REPSOL
Lo scorso anno ha centrato il bersaglio dimostrando di aver trovato una maturità inaspettata: dovrebbe trattarsi di quella smarrita da Valentino Rossi a Sepang nel 2015.
Chiunque vorrebbe in squadra un ragazzo spontaneo, che si fa voler bene da tutti e con un sorriso sincero, ma Honda ha confermato che finché vince va benissimo anche Marc.

DANIEL PEDROSA – HONDA HRC REPSOL
Tutti gli anni pare destinato a lasciare la HRC, poi però ad inizio stagione lo troviamo sempre in sella: la strategia di nascondersi in clinica mobile durante il mercato piloti pare davvero funzionare.
Nei test invernali HRC si è dimostrata già molto veloce, siamo però certi che Daniel farà come sempre di tutto per mostrare che si può arrivare fuori dal podio anche con una Honda ufficiale.

VALENTINO ROSSI – YAMAHA RACING MOVISTAR
Dopo l’addio di Lorenzo, Valentino avrebbe preferito un compagno meno giovane e aggressivo, ma Phil Read non se l’è proprio sentita di accettare la proposta.
Probabilmente questa sarà la sua ultima possibilità di puntare al decimo, perché il prossimo anno Viñales si sarà ambientato, Lorenzo conoscerà meglio la Ducati e la badante sul sedile dietro potrebbe infastidirlo.

MAVERICK VIÑALES RUIZ – YAMAHA RACING MOVISTAR
Dopo l’approdo in Yamaha e la rottura con Kiara Fontanesi, per Maverick si aprono prospettive insperate fino a poco tempo fa: avete presente quanta gnocca gira intorno ai single nel paddock?
Obiettivo dichiarato del giovane spagnolo è vincere qualche gara e lottare per il mondiale, ma senza far incazzare Valentino Rossi. Fossi in lui punterei subito sui ventiquattro territori a scelta.

JORGE LORENZO – DUCATI TEAM
Quando ha scelto la Ducati ha mostrato di avere le palle. E se riuscirà a vincere almeno una gara ha giurato al suo agente che gliele restituirà.
In questo 2017 dovrà adattarsi alla Ducati, provare ad essere competitivo in pista e soprattutto trovare qualche scusa credibile per quando il meteo metterà pioggia.

ANDREA DOVIZIOSO – DUCATI TEAM
Grazie alla sua esperienza, la sua guida pulita e il suo evitare di prendere rischi inutili, il Dovi si è finalmente ritagliato in Ducati lo spazio che meritava: quello di seconda guida.
A Borgo Panigale si aspettano che possa dare a Lorenzo qualche consiglio utile per capire la Ducati, visto che il modo migliore per valutare gli errori di guida di un pilota è proprio guardandolo da dietro.

ANDREA IANNONE – SUZUKI ECSTAR
In Suzuki hanno molta fiducia in lui e sono convinti che, dopo un breve periodo di apprendistato, sarà perfettamente in grado di pronunciare decentemente anche la parola ECSTAR.
Da mesi non si fa che parlare della sua relazione con Belen, ma noi preferiamo andare oltre al banale gossip
+++ clicca qui per vedere cosa combina Belen con Iannone +++

(immagine: http://www.motoblog.it/)

Alla domanda su chi ha ispirato maggiormente la sua giovinezza risponde con Michael Jordan, Wayne Rainey e Gilles Villeneuve, ma solo perché Moana ci ha lasciato troppo presto. Nel 2008 ottenne il giro veloce sul circuito Ikea in 4’ e 32’’, sostenuto dagli applausi scroscianti dei presenti e dagli insulti della moglie.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.